Corso SRC – Short Range Certificate

Per informazioni sui nostri corsi GMDSS visitate la pagina: gmdss-italia.it

 

La sezione di Bologna della Lega Navale Italiana organizza un corso di preparazione all’esame per ottenere lo Short Range Certificate (SRC) ed il Long Range Certificate; per ulteriori informazioni ed aggiornamenti 2016 clicca qui
Il certificato è stato istituito con DM 214 del 25 luglio 2002 ed è necessario per utilizzare apparecchiature GMDSS quali il VHF con DSC (per il quale non basta il certificato limitato di radiotelefonista ottenibile senza esami).
gmdss, aree, src,
In un prossimo futuro, il recepimento delle normative internazionali, renderà obbligatorio l’utilizzo dei dispositivi DSC per le imbarcazioni che navigano oltre le 6 miglia, il possesso del certificato sarà quindi imprescindibile.

Cos’è il VHF DSC?
Sinteticamente è un dispositivo che permette in automatico la trasmissione di alcuni dati della ns. imbarcazione, l’utilizzo più immediato è quello relativo alla salvaguardia della vita in mare; in caso di pericolo, premendo un solo tasto, verranno inviate tutte le informazioni relative alla ns. imbarcazione tra le quali la posizione, rendendo così più semplice, la procedura di soccorso.

L’obiettivo del corso, la cui durata è di un week end,  è quello di fornire la preparazione utile al superamento dell’esame.

E’ necessario raggiungere il numero minimo di 10 partecipanti.

Per informazioni: info@leganavale.bo.it

PROGRAMMA DI ESAME PER IL CONSEGUIMENTO DEL CERTIFICATO DI OPERATORE
“SHORT RANGE” (SRC) PER NAVI CHE NAVIGANO IN AREA A1 CHE USANO IL
SISTEMA GMDSS E NON SONO SOGGETTE AD OBBLIGHI FISSATI NELLA
CONVENZIONE SOLAS.
Il certificato “Short Range” per operatore radio di bordo viene
rilasciato ai candidati che abbiano dato prova di possedere le
cognizioni tecniche e le attitudini professionali appresso
specificate:
A) Conoscenza generale delle comunicazioni radiotelefoniche VHF
nel servizio mobile marittimo:
A1. Principi generali e caretteritiche di base del servizio
mobile marittimo per imbarcazioni non soggette ad obblighi fissati
dalla convenzione Solas
B) Conoscenza dettagliata di funzionamento degli apparati radio:
B1. Installazioni radio in VHF
B2. Scopo ed uso della chiamata selettiva digitate (DSC)
C) Procedure operative del GMDSS, dei sottosistemi e delle
apparecchiature che lo compongono:
C1. Procedure di ricerca e salvataggio (SAR) nel GMDSS, sistema
di soccorso e sicurezza nel (GMDSS)
C2. Procedure per le comunicazioni di soccorso, urgenza e
sicurezza nel GMDSS
C3. Protezione delle frequenze di soccorso
C4. Sistema d’informazioni per la sicurezza marittima (MSI)
C5. Allertamento e segnali di localizzazione.
D) Procedure e regolamenti per le comunicazioni radiotelefoniche
VHF:
D1. Abilita’ a scambiare comunicazioni relative alla sicurezza
della vita in mare
D2. Regolamenti, procedure obbligatorie e pratica
D3. Conoscenza pratica e teorica delle procedure
radiotelefoniche
A) Conoscenza generale delle comunicazioni radiotelefoniche VHF nel
servizio mobile marittimo.
A1. Principi generali e caratteristiche di base del servizio mobile
marittimo.
1.1. Tipi di comunicazione nel servizio mobile marittimo:
Comunicazioni di soccorso, urgenza e sicurezza
Corrispondenza pubblica
Operazioni per il servizio portuale
Servizio per il movimento nave
Comunicazioni nave-nave
Comunicazioni a bordo
1.2. Tipi di stazione nel servizio mobile marittimo:
Stazioni di nave
Stazioni costiere
Stazioni portuali, pilota, etc.
Stazioni di aereo
Centro coordinamento del salvataggio (RCC)
1.3. Conoscenza elementare delle radio frequenze e canali per il
servizio mobile marittimo nella banda VHF:
Concetto di frequenza
Propagazione sulle frequenze VHF
Portata per le trasmissioni radiotelefoniche
Portata per le trasmissioni in DSC
Uso delle frequenze VHF nel servizio mobile marittimo
Concetto di canale radio: simplex, duplex, semi-duplex
Piano di canalizzazione in VHF, incluso l’allocazione per il
GMDSS
Canali di soccorso e sicurezza
Canali nazionali per la sicurezza di piccole imbarcazioni
Comunicazioni nave-nave
Operazioni portuali
Movimento nave
Canali di chiamata
Canali per la corrispondenza pubblica
1.4. Funzionalita’ degli apparati della stazione di nave:
Sorgenti di energia della stazione di nave
Batterie di accumulatori
Differenti tipi di accumulatori e loro caratteristiche
Carica e scarica degli accumulatori
Manutenzione degli accumulatori
B)Conoscenza dettagliata degli apparati radio.
B1. Installazioni radio in VHF.
1.1. Canali radiotelefonici:
Comando di selezione canali
Comando per la modalita’ doppio ascolto (dual watch)
1.2. Uso dei comandi fondamentali:
Accensione
Comando di trasmissione (PTT)
Inserimento di alta e bassa potenza (H/L)
Regolazione del volume
Regolazione del silenziatore (squelch)
Regolazione dell’illuminazione (dimmer)
1.3. Apparati radiotelefonici portatili
1.4. Antenne marittime in VHF
B2.Scopo ed uso della chiamata selettiva digitale (DSC).
2.1. Principi generali e caratteristiche di base della DSC:
Messaggi DSC
Accusa di ricevuto di chiamata
Ritrasmissione di chiamata (call relay)
2.2. Tipi di chiamata:
Soccorso
A tutte le navi
Individuale (singola stazione)
Area geografica
Di gruppo
2.3. Sistema di numerazione d’identificazione nel servizio mobile
marittimo (MMSI):
Identificativo di nazionalita’ (MID)
Numerazione di nave
Numerazione di gruppo di navi
Numerazione di stazione costiera
2.4. Priorita’ delle categorie di chiamata:
Soccorso
Urgenza
Sicurezza
Servizio
Ordinarie
2.5. Telecomandi di chiamata e informazioni di traffico:
Allertamento di soccorso
Altri tipi di chiamata
Informazione di canale di lavoro
2.6. Prestazioni ed uso della DSC in VHF:
Selettore istantaneo per l’allertamento sul canale 70
Immissione dati nel DSC e loro visualizzazione
Aggiornamento della posizione di nave
Immissione di un messaggio predefinito
Immissione di informazione di traffico
Rivisualizzazione dei messaggi ricevuti
Comando per le funzioni di ascolto delle frequenze DSC
C) Procedure operative del GMDSS, dei sottosistemi e delle
apparecchiature che lo compongono.
C1. Procedure di ricerca e salvataggio (SAR) nel GMDSS.
1.1. Aree di mare e possibilita’ di accesso al GMDSS
1.2. Il ruolo dei centri di coordinamento del salvataggio (RCC)
1.3. Organizzazione della ricerca e salvataggio
C2. Procedure di comunicazione di soccorso, urgenza e sicurezza nel
GMDSS.
2.1. Comunicazioni di soccorso via DSC VHF:
Allertamento di soccorso in DSC:
Definizione di allertamento di soccorso
Trasmissione di un allertamento di soccorso
Ritrasmissione di un allertamento di soccorso terra-nave
(Distress Relay)
Ritrasmissione di un allertamento di soccorso da nave non in
pericolo (Distress Relay)
Ricezione ed accusa di ricevuto di un allertamento di soccorso:
Procedura di accusa di ricevuto
Ricezione ed accusa di ricevuto da stazione costiera
Ricezione ed accusa di ricevuto da stazione di nave
Trattamento di un allertamento di soccorso:
Preparazione al trattamento del traffico di soccorso
Terminologia del traffico di soccorso
Comunicazioni nella zona del soccorso
Operazioni di ricerca e salvataggio (SAR)
2.2. Comunicazioni di urgenza e sicurezza via DSC:
Significato di comunicazioni di urgenza e sicurezza
Procedure per chiamate di urgenza e sicurezza
Comunicazioni di urgenza
Comunicazioni di sicurezza
C3. Protezione delle frequenze di soccorso.
3.1. Eliminazione delle interferenze dannose:
Eliminazione della trasmissione di falsi allertamenti
Condizioni di stato del Ch 70
3.2. Trasmissioni durante il traffico di soccorso
3.3. Eliminazione di trasmissioni non autorizzate
3.4. Procedure e protocolli di prova:
Prova dell’apparato DSC
Procedure di prova del radiotelefono
3.5. Bande di guardia
3.6. Procedure in caso di trasmissione di un falso soccorso
C4. Sistemi di informazioni per la sicurezza marittima (MSI).
4.1. Il sistema Navtex:
Scopo e prestazioni, incluso le funzioni di soccorso e sicurezza
C5. Segnali di allertamento e localizzazione.
5.1. Scopo e definizione
5.2. Radio boe di emergenza (EPIRB):
Registrazione e codifica
Contenuto delle informazioni di un allertamento di soccorso
Funzionamento in galleggiamento libero e attivazione manuale
EPIRB a 406 MHz Cospas/Sarsat
EPIRB a 1.6 GHz Inmarsat E
EPIRB in VHF-DSC
EPIRB a 121.5 MHz
Considerazioni di installazione
Manutenzione ordinaria
Prova
Controllo della data di scadenza delle batterie
Controllo del meccanismo di sgancio
5.3. Trasponditore radar (SART):
Funzionamento
Altezza di funzionamento
Effetto sulla riflessione radar
Portata del trasmettitore SART
D) Procedure operative e regolamenti per le comunicazioni
radiotelefoniche VHF.
D1. Abilita’ a scambiare comunicazioni relative alla sicurezza della
vita in mare.
1.1. Comunicazione di soccorso:
Segnale di soccorso
Significato e uso corretto del segnale Mayday
Chiamata di soccorso
Messaggio di soccorso
Accusa di ricevuto di un messaggio di soccorso
Obbligo di accusa di ricevuto di un messaggio di soccorso
Forma corretta di accusa di ricevuto
Azioni da intraprendere a seguito di una accusa di ricevuto
Controllo del traffico di soccorso
Significato ed uso corretto dei segnali:
Seelonce Mayday
Seelonce Distress
Prudonce
Seelonce Feenee
Ritrasmissione di un messaggio di soccorso da nave non in
pericolo
Significato ed uso corretto del segnale Mayday Relay
1.2. Comunicazioni di urgenza:
Segnale di urgenza
Significato ed uso corretto del segnale Pan-Pan
Messaggio di urgenza
Avviso urgente medico via stazione radio costiera
1.3. Comunicazioni di sicurezza:
Segnale di sicurezza
Significato ed uso corretto del segnale Securite
Messaggio di sicurezza
Procedure speciali per comunicazioni con le organizzazioni
nazionali preposte alla sicurezza
1.4. Ricezione degli MSI radiotelefonici in VHF
1.5. Conoscenza generale ed uso del vocabolario standard della
navigazione marittima IMO e conoscenza dei seguenti segnali base:
All after; All before; Correct; Correction; In figures; In
letters; I say again; I spell; Out, over; Radio check; Read back;
Received; Say again; Station Calling; Text; Traffic; This is; Wait;
Word after; Word before; Wrong
1.6. Uso dell’alfabeto fonetico internazionale
D2. Regolamenti, procedure obbligatorie e loro pratica attuazione.
2.1. Conoscenza generale della documentazione internazionale e
disponibilita’ di pubblicazioni nazionali
2.2. Conoscenza dei regolamenti e degli accordi internazionali
relativi al servizio mobile marittimo:
Requisiti per la licenza radio di nave
Regolamenti inerenti l’operativita’ degli apparati radio relativa
al possesso di un apposito certificato
Regolamenti nazionali inerenti la tenuta del registro di stazione
Mantenimento del segreto sulla corrispondenza
Tipi di chiamate e messaggi che sono proibiti
D3. Conoscenza teorica e pratica delle procedure radiotelefoniche.
3.1. Corrispondenza pubblica e procedure di chiamata
radiotelefonica:
Metodo di chiamata di una stazione costiera con radiotelefono
Richiesta di un collegamento con utente di terra via operatore
Chiusura della chiamata
Chiamate alle navi da stazioni costiere
Chiamate con particolari agevolazioni
Chiamata ad una stazione costiera per comunicazioni in generale
Chiamata radiotelefonica con selezione automatica
3.2. Tassazione del traffico:
Sistema di tassazione internazionale
Codice identificativo dell’autorita’ contabile
3.3. Pratica di traffico ordinario:
Uso corretto degli indicativi di chiamata
Procedure per stabilire una comunicazione sui canali per:
nave-nave, corrispondenza pubblica, sicurezza per piccole
imbarcazioni, operazioni portuali e movimento nave
Procedure per chiamate senza risposta e chiamate confuse
Controllo delle comunicazioni

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi